Miu Miu L'Eau Bleue racconta olfattivamente l'arrivo della primavera!

Miu Miu L'Eau Bleue racconta olfattivamente l'arrivo della primavera!

La stilista Miuccia Prada ha creato Miu Miu perché fosse una piattaforma attraverso cui esplorare la moda fino ai suoi confini, assecondare i propri capricci, essere leggere, riflessive e frivole in modo intelligente. La donna Miu Miu incarna appieno la profonda complessità di questa visione. La prima Miu Miu Eau de Parfum evocava la giovinezza femminile, la libertà e un pizzico di ribellione. Coglieva perfettamente la donna Miu Miu: schietta e civettuola, giocosa e ribelle, fuori dal tempo nel suo spirito d’avventura.
 
In Miu Miu L’Eau Bleue, la prossima iterazione nella famiglia di fragranze Miu Miu, la creatrice di profumi Daniela Andrier evoca un momento ben definito che tutti condividiamo: l’esperienza che si ripete ogni anno quando, apparentemente dal nulla, ci si rende conto che la primavera è arrivata. La sensazione è talmente leggera e delicata che è difficile da definire. È una percezione trasportata da un filo d’aria. Quando ti raggiunge puoi trovarti ovunque: a letto con la finestra aperta alla brezza dell’alba, a tutta velocità lungo una strada di campagna con il sole sul viso, a passeggio a tarda notte per una via cittadina dopo un acquazzone, a piedi nudi sull’erba fin troppo fresca e bagnata di un giardino.  
 
Nonostante il messaggio sia quasi impercettibile, la sensazione di quell’arrivo è quasi travolgente, perché non solo rievoca il singolo momento, ma ogni momento di ogni risveglio primaverile della tua esistenza. Quel profumo intenso di un fiore fresco, il delicato mughetto, attenuato da una luccicante scintilla di rugiada. L’acqua sul foliage di un verde quasi fluorescente bagna le tue ciglia mentre premi il viso nel bouquet. Sullo sfondo si avverte una punta più che trasparente di caprifoglio. Poi un’altra essenza pervade l’attimo: l’umida, profonda, essenziale fertilità della terra quando si risveglia dal letargo invernale. La terra che torna alla vita con gusto e intensità. È l’Akigalawood che sale con una fecondità quasi infinita.
 
Il potere di una fragranza sta nel cercare e trovare qualcosa che si muove dentro: un senso di inizio, di nuovo principio, di possibilità, di speranza, di rinascita. Nel farci scrollare di dosso ciò che è stato e farci provare l’intenso, indefinibile brivido di eccitazione per tutto ciò che potrebbe essere. Ecco cosa fa un profumo, va a toccare qualcosa che abbiamo dimenticato. E quel tocco suscita molto più che una semplice sensazione olfattiva, è la causa scatenante e immediata di un’esperienza intera, nell’arco di un istante.  
 
La scintillante effervescenza di inizio primavera è l’essenza dell’esperienza di Miu Miu L’Eau Bleue. Seguendo le orme del caratteristico flacone effetto matelassé di Miu Miu, Miu Miu L’Eau Bleue rivisita l’iconico azzurro intenso ma in splendente vetro trasparente. I bagliori di luce si rifrangono attraversando il vetro sfaccettato, flirtando con l’ambiente circostante, aggiungendo riflessi. Il vetro scintillante è completato da un evocativo disco giallo pastello che ricorda la radiosa ragazza Miu Miu. La sorpresa è contenuta in un’elegante scatola pieghevole azzurra, un regalo che attende di essere aperto.   
 
Per la campagna Miu Miu L’Eau Bleue, l’attrice Stacy Martin riprende il suo ruolo da protagonista come volto del nuovo profumo, fotografata ancora una volta da Steven Meisel. Fresca nella mente e colorata nello spirito, indossa il suo vestito azzurro questa volta abbinato a divertenti scarpe giallo pastello. L’attrice proietta le qualità quintessenziali della donna Miu Miu e la sua luminosità e quasi trasparenza rappresentano l’essenza di Miu Miu L’Eau Bleue. Ed è tornato anche il micino. I due accerchiano il loro scintillante premio, incantati: la sfida continua.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Posted on 11/04/2017 News 0 158

Lascia un commentoRispondi

Devi essere  registrato  per poter lasciare un commento.
Precedente
Successivo

No products

To be determined Shipping
0,0 € Total

Check out